Block the wall: la parola ai cittadini

SAM_0739E’ la cosa che non ti aspetti. Piacciono proprio a tutti. Le opere dei writers dell’Associazione BLQ. Non è stato un vero e proprio sondaggio, ma una ventina di persone, intervistate a caso, ci hanno detto che…“E’ una cosa ben fatta”, dice un signore. E guarda i muri del Centro Sportivo Pilastro (via Pirandello 11) e del Poliambulatorio Pilastro (via Pirandello 6).

Ma questo “linguaggio espressivo innovativo”, come lo ha definito il Presidente del Quartiere San Donato Simone Borsari, è proprio da tutti compreso e condiviso o è piuttosto appannaggio del solo mondo giovanile?

“Piuttosto che sporco e malandato è più bello così…..è geometrico” interviene un altro. “Si dovrebbero dipingere altre strutture pubbliche del Territorio ” sostiene un anziano signore. “Ma anche alcune private, come il portico del Virgolone dove abito io” incalza un altro. “C’è anche il codice di avviamento postale…”

pilastro block

“È stata un’idea molto bella. Speriamo che ce la lascino pulita” mi dice un gruppo di signore. “Speriamo che duri, che non arrivino i vandali a fare i vandali!”  si augura una di loro. “Peccato che abbiano potuto dipingere solo i lati del poliambulatorio, lasciando così, la facciata principale e la saracinesca, piene di brutte scritte e scarabocchi”. Una signora mi racconta: “Ho parlato con il ragazzo che ha dipinto le piovre. Gli ho detto che dalla finestra di casa mia sembra che si muovano”.

SAM_0737Si può concludere che quest’ opera di    writing rappresenti, per la cittadinanza intervistata, un segno tangibile della volontà di riqualificare il nostro Territorio. Perciò….speriamo che duri!

SAM_0743

Grazie

ragazzi

 

 

Testo e foto di Lorenza Zullo

Annunci