Gabriele Gandini: un imprenditore che crede nel Pilastro

arisbar pilastro

Da alcuni mesi il bar del Centro commerciale Pilastro praticamente scintilla. Arisbar, stessa gestione da quando venne aperto trent’anni fa, è stato rinnovato completamente. Gabriele Gandini, che dal Pilastro è partito e qui ha deciso di investire, la pensa così: “Se avessimo tutti una convergenza ideale su ciò che significa restituire a chi ci ha dato tanto (perchè sono i cittadini che ci hanno dato la possibilità di crescere)  sarebbe un bel discorso di territorio e di solidarietà.” Tante le novità in cantiere.

Tra pochi mesi accanto al nuovo Arisbar aprirà una cioccolateria, una scuola di formazione dedicata al cibo mentre già ha aperto i battenti la piccola cooperativa di servizi Officina dei Mestieri. Tutte le attività, che gravitano sul centro commerciale Pilastro, sono nate da Arisbar e dalla volontà di Gabriele Gandini. Lo abbiamo incontrato con i suoi collaboratori, ovviamente davanti a un caffè e a un pasticcino. Gandini, partito dal Pilastro, nel tempo ha creato un gruppo con diverse sedi nel bolognese e un’ottantina di lavoratori.


Il bar rinnovato si è più spostato sulla pasticceria, come gli altri punti vendita. La cioccolateria, confetteria e pralineria, con laboratorio di produzione a vista, produrrà tra le altre cose cioccolato in tavoletta, uova di cioccolato, creme naturali e punterà sul biologico. La scuola, che aprirà i battenti in autunno, offrirà prima di tutto formazione permanente ai lavoratori del gruppo.

Ma diventerà anche un’opportunità per giovani e disoccupati, come spiega Gabriele Gandini:”La scuola si chiamerà Nutri et labora: vuole abbinare i due concetti, il nutrimento e il lavoro. Potrà aiutare anche i giovani e i disoccupati in generale che si devono ricollocare sul mercato, in un settore strategico, quello del cibo. Ricordiamo che Fico nascerà proprio alle spalle del Pilastro”.

La scuola, in regola con gli standard regionali, partirà con la formazione del personale di Arisbar, ma diventerà anche lo strumento attraverso cui si selezionerà il nuovo personale. I dieci – dodici iscritti sapranno che tra loro verranno selezionati i due o tre che alla fine avranno un posto di lavoro presso Arisbar. “Nei prossimi tre anni prevediamo, attraverso i nostri piani di sviluppo, 150 lavoratori complessivamente”. Saranno comunque organizzati corsi aperti a tutti, con costi commerciali.

Anche l’Officina dei Mestieri ha i suoi uffici nel Centro commerciale Pilastro. E’ una piccola cooperativa di servizi nata per svolgere lavori di manutenzione nei locali di Arisbar, ma desiderosa di andare più in là. Puntando sempre sul territorio del Pilastro. “L’Officina con le sue vetrine vuole proprio presentarsi ai cittadini del territorio. Essere qui è una scelta strategica e di comunicazione”, dice Gandini e conclude: “Noi siamo partiti da qui, è una radice storica. Abbiamo scelto di fare investimenti importanti su questo territorio.  E’ indispensabile per il Pilastro come lo vediamo nel futuro.”

Annunci