#PrimaveraPilastro2016. 50 anni dopo, insieme per il nuovo Pilastro

pilastro

Al via la #PrimaveraPilastro2016, da marzo a luglio seminari, incontri, concerti, feste e molto altro per l’anniversario dei 50 anni di storia del Pilastro. Ma saranno festeggiamenti che non si chiuderanno con l’ultimo appuntamento estivo. Perchè a restare saranno l’Agenzia di sviluppo locale, la Cooperativa Sociale di Comunità e la Casa di Comunità in Via Pirandello, sopra il Centro Commerciale.La giornata inaugurale, sabato 5 marzo, vedrà la presentazione del Progetto Pilastro 2016, nella futura Casa di Comunità, alla presenza del sindaco Virginio Merola, dell’assessore Malagoli e del Presidente del Quartiere Simone Borsari. Poi ci sarà l’inaugurazione della mostra fotografica Distretto Pilastro NordEst (foto di Lino Bertone e Alessandro Zanini). Nel pomeriggio ci si sposterà all’Urban Center per l’incontro “Abitare il Pilastro. Tra urbanistica e protagonismo dei cittadini”, alle 17.30 in Salborsa l’inaugurazione della seconda sede della mostra fotografica.

La rassegna di eventi si concluderà a luglio. Il programma prevede anche una serie di incontri dedicati agli scrittori a cui sono intitolate le vie del Pilastro, realizzata in collaborazione con la Biblioteca Spina-Istituzione Biblioteche di Bologna e l’apertura delle case degli abitanti in una due giorni A Porte Aperte. A luglio verrà proposta una rassegna sostenuta dall’Area Cultura e Rapporti con l’Università del Comune di Bologna, con il coordinamento artistico di Laminarie/DOM-la cupola del Pilastro, che spazierà in diverse attività – cinema, musica, performance – per concludersi con un grande concerto Rock nella nuova Arena al parco Pier Paolo Pasolini del Pilastro.

Malagoli e MerolaEcco la sintesi della conferenza stampa di lancio, organizzata dal Comune di Bologna, fatta dall’Agenzia di stampa ANSA:

Il quartiere Pilastro di Bologna festeggia cinquant’anni.  Tante iniziative e progetti per rilanciare il ‘villaggio’
Il Pilastro, quartiere popolare alla periferia nord-est di Bologna, compie 50 anni. Per festeggiare la ricorrenza, Comune, Quartiere e numerosi soggetti attivi sul territorio hanno organizzato #PrimaveraPilastro2016, che non è solo una festa di compleanno, ma che prevede anche il lancio di una serie di iniziative.
Nasceranno, infatti, un’agenzia locale di sviluppo che avrà l’obiettivo di creare nuove opportunità e una cooperativa di comunità che curerà le aree verdi, fornirà servizi di prossimità ed avrà in dotazione alcuni negozi di proprietà Acer in via d’Annunzio e si occuperà anche di agricoltura urbana, avendo in dotazione una casa colonica e un terreno di sei ettari in via Fantoni.
Il Comune, nel frattempo, ha investito circa due milioni e mezzo per la riqualificazione urbana, la manutenzione degli immobili e l’illuminazione pubblica. Ci sarà spazio anche per la cultura con una nuova infrastruttura a servizio della città: entro l’estate sarà infatti pronta una nuova arena da mille posti, nel parco Pasolini (sul quale si affaccia il cosiddetto ‘Virgolone’, uno degli edifici più simbolici dell’area del Pilastro), che potrà ospitare spettacoli.
“Non si tratta solo della celebrazione di un anniversario – ha detto il sindaco Virginio Merola – ma della promozione di un progetto che guarda al futuro. Il villaggio del Pilastro avrà una nuova centralità metropolitana anche con la nascita del parco alimentare di Fico”.
Nel 1966 i primi abitanti si insediarono al Pilastro ed erano, in gran parte, migranti provenienti dal Sud Italia. Il Pilastro ha mantenuto ancora oggi il proprio carattere multiculturale: ci sono residenti di 14 nazionalità e c’è un’alta percentuale di under 30. Il 39% dei ragazzi in età scolare è di origine straniera e questo ne fa, quasi automaticamente, un laboratorio la cui esperienza può essere utile anche per altre aree della città.
Le celebrazioni per i cinquant’anni, invece, cominceranno il 5 marzo, con la presentazione del progetto alla Casa di Comunità di via Pirandello. Poi, per marzo e aprile, ci saranno tante altre iniziative, alcune delle quali si svolgeranno anche in centro che coinvolgeranno aspetti storici, culturali e ambientali. Il 16 aprile ci sarà invece una festa vera e propria con un pranzo sociale ed una festa di quartiere. (ANSA).

Cartolina_Mostra

Annunci