Mousike’, la crescita al Pilastro a tempo di danza

Musikè

Sono ventisei gli anni che uniscono la scuola di danza Mousike’ al rione Pilastro grazie all’iniziativa di due persone che quasi per caso si sono ritrovate a gestire una bellissima avventura che dura ancora oggi. Gianpaolo Zoli e Franca Zagatti hanno iniziato a lavorare nello spazio di via Panzini 1 nel 1990, quando il Pilastro era ancora quel luogo di Bologna di cui si parlava spesso in toni negativi.

Il professor Zoli allora insegnava musica alle scuole medie del Pilastro, gli venne proposto di ampliare l’offerta e i momenti dedicati all’educazione musicale proprio negli spazi (aule e sale) che allora facevano parte delle scuole e oggi sono resi vivi da Mousike’. Dalla musica poi gradualmente si passò anche alla danza, fino ad arrivare ad una vera e propria scuola di danza che oggi vede tantissimi iscritti e iscritte non solo da Bologna.

Il rapporto di Mousikè con il Pilastro, come ci raccontano Gianpaolo Zoli e Franca Zagatti è sempre  stato un buon rapporto, un rapporto di scambio e di crescita da entrambe le parti. Come dice Zoli: “C’è sempre stata una sorta di rispetto da parte di tutto il rione verso il lavoro che facciamo. Una percezione diffusa dell’importanza delle nostre attività”.

La presenza di Mousiké ha una doppia valenza: da un lato, in un territorio che negli anni ha visto un alto tasso di abbandono scolastico, insegna una delle forme artistiche in cui la “disciplina” è la parola d’ordine, dall’altro ha portato decine e decine di persone che non abitano al Pilastro nel rione, svelando loro una parte poco conosciuta della città, permettendo loro di comprendere la “normalità” del luogo,  se non addirittura il suo fascino particolare.

“L’unico problema” come dice Franca Zagatti “è la mancanza al momento di spazi più grandi, ma magari in futuro troveremo una soluzione per allargarci, qui nel territorio. Mousike’ è fortemente legata al Pilastro ed in generale a tutto il Quartiere San Donato dove da anni facciamo laboratori in tutte le scuole. Pensare di andarcene sarebbe impensabile. Negli ultimi anni abbiamo cercato anche di vivere il più possibile il Pilastro, facendo incursioni artistiche sul territorio, performance, prove all’aperto e negli ultimi anni anche partecipando al Festival Danza Urbana che ci ha fatto conoscere in una cerchia più allargata, non solo dagli addetti al settore”.

Negli ultimi anni Mousike’ ha sviluppato ulteriormente la sua funzione educativa fondando “MPE – Mousike’ Progetti Educativi” (www.mousikeprogettieducativi.com), collana editoriale che ha la funzione di educare alle arti anche attraverso la lettura.

Il Pilastro indubbiamente sta cambiando, nella sua forma, nelle sue proposte e nell’immaginario comune e in questo cambiamento le arti hanno un ruolo essenziale proprio grazie a realtà come DOM – La cupola del Pilastro ma anche grazie come Mousike’, iniziative che investono su un territorio nel quale non credeva nessuno, ma che oggi invece restituiscono i primi frutti e grandi soddisfazioni.

di Jonathan Mastellari

 

Annunci