Mi sono seduta e ho pianto

DSC_0330

Durante la seconda settimana di agosto qualcuno ha colpito, probabilmente con un sasso, cinque delle sei  ceramiche celebrative poste sul bordo del palco dell’Arena Pier Paolo Pasolini.
La nostra redattrice Lorenza Zullo ha immaginato di  ascoltare la voce dell’Arena.

Non so con precisione quando, ma mi hai colpita. Ti sei nascosto e mi hai sferrato un colpo. Al volto. Violento. Sapevi che non potevo difendermi. Sapevi che  mi avresti lasciata senza fiato.  Non so perché, ma mi hai colpita. Sento ancora il sordo tonfo del sasso che mi ha ferita. Una, due, tre volte.  Non ricordo quante.  Non è importante.  Forse per te sì. Tu, di cui non conosco il nome. Quanto ti ha insuperbito la risata sguaiata degli amici? Quanto ti ha inebriato la scarica di adrenalina? Un solo breve, inutile istante Non so perché, ma mi hai colpita. Attonita, osservo i miei cocci. Che sono anche i tuoi. Perché ti sei ferito anche tu, con quel sasso. Perché queste mie ferite diventeranno le tue cicatrici. Perché io sono anche tua.
La tua Arena. E stasera ho pianto per te.

DSC_0335 DSC_0336  DSC_0332DSC_0333

DSC_0331

Testo di Lorenza  Zullo

Annunci