Centro Documentazione Handicap: raccolta fondi per raccontare storie per tutti

“Storie per tutti” è un progetto di letture ad alta voce accessibili per bambini dai 3 agli 8 anni. I raccontastorie sono un gruppo di persone disabili e non, con competenze nell’educazione, nella letteratura per l’infanzia, nell’illustrazione, nella musica e nel cinema, e portano avanti da anni questo progetto in collaborazione con il Centro Documentazione Handicap di via Pirandello 24. Quest’anno vogliono arrivare proprio a tutti, anche ai bambini degli ospedali pediatrici e chiedono a tutti noi di fare una piccola parte, cliccare online e contribuire alla realizzazione del progetto anche solo con 5 euro.
Siamo tutti invitati mercoledì 7 giugno alle ore 17,30 alla Festa sul terrazzo del Centro Documentazione Handicap di Bologna, in via Pirandello 24. Un grande spazio accogliente dove prendere un aperitivo in compagnia e conoscere il progetto delle Storie per tutti!

Roberto Parmeggiani è il Presidente dell’Associazione CDH; da quando sono insediati al Pilastro sempre molto attivo nelle iniziative che coinvolgono i ragazzi del territorio. Mi ha regalato il libro “Gli studenti delle Saffi raccontano il Pilastro….. Secondo loro”. Un libro modificato, scritto in linguaggio in simboli, in cui gli studenti della terza media hanno raccontato difficoltà, paure e desideri. Scritto in modo accessibile a tutti, in modo che “la voce dei nuovi cittadini” (per me tradotto in caratteri latini) arrivi a tutti bello di foto, disegni e frasi. Per finanziarlo, CDH ha vinto il bando dell’IBC insieme alla scuola e, concluso un progetto se ne apre un altro più ambizioso.

“Quest’anno vogliamo che le storie siano più per tutti che mai, non solo perché le raccontiamo in 14 occasioni differenti, utilizzando modalità e linguaggi inclusivi, ma anche perché in tanti concorriamo a realizzarle, costruendole insieme. I nostri volontari, come sempre, con il loro impegno sono i maggiori protagonisti con gli educatori e gli esperti con competenze straordinarie. In più, diamo la possibilità a tutti i cittadini di finanziare, anche con piccole cifre, il nostro progetto.”
Mi spiega che hanno scelto il crowdfunding con la piattaforma GINGER- Gestione Idee Geniali in Emilia Romagna perché è una modalità di finanziamento che parte dal basso e permette di sostenere idee e progetti grazie ai contributi della folla. Non è più necessario chiedere tanto a pochi… ma poco a tanti! Il crowdfunding si basa sulla forza delle idee, sull’importanza della comunità e sugli strumenti online che permettono di raggiungere tutti i potenziali sostenitori del progetto. GINGER permette a privati, associazioni, imprese e pubbliche amministrazioni di pubblicare l’idea sulla piattaforma e di portare avanti la propria campagna, per raccogliere i finanziamenti senza fatica per i donatori.
Gli faccio notare che nessuno al Pilastro, il rione a più basso reddito in assoluto di Bologna, ha avuto il coraggio di lanciare una raccolta fondi. Roberto fa un grande sorriso: “A noi interessa coinvolgere tanti e costruire con pazienza”.
riunione cdhTutti possiamo partecipare: basta cliccare qui  oppure visitare il sito www.ideaginger.it e cercare Storie per tutti.

Si può contribuire con bonifico o carta di credito dall’importo di €. 5 in su e per ogni importo è previsto un differente ringraziamento/omaggio. C’è ancora un mese di tempo e se non siamo stati abbastanza chiari, si può partecipare alla festa di mercoledì prossimo e ricevere tutte le informazioni, sorseggiando un aperitivo o ascoltando STORIE e buona musica.

Per ulteriori informazioni: www.accaparlante.it

 

Testo di Claudia Boattini  foto di CDH

La festa della scorso anno

 

Annunci