Abitare al Pilastro nei giorni del G7 ambiente/Soluzioni semplici per esigenze normali

La Fattoria Urbana, con i suoi orti e le sue stalle, si trova esattamente accanto all’Hotel Savoia, sì proprio quello dove sono ospitati i potenti del G7. Nel cuore della zona di massima sicurezza.
Agli ortolani è stato interdetto l’accesso e sono preoccupati per le loro piante che non riceveranno le regolari innaffiature.
Ma gli animali, G7 o non G7, devono mangiare ogni giorno!
Per questo due volontari della Fattoria hanno ottenuto il pass che consente loro di accedere alla zona più presidiata, un onore davvero speciale!

Quando il volontario incaricato di questi compiti mostrò il suo pass ai poliziotti, era un pochino timoroso; per stemperare la tensione spiegò loro perché doveva entrare…”sapete….le mucche da nutrire, le galline, il mangime…”.

I poliziotti erano a dir poco increduli!  Mucche e galline? Ma dove accidenti erano finiti? In aperta campagna? Cosa gli stava raccontando questo signore? che fosse una provocazione?
Si guardarono intorno, palazzi e case, l’albergo Savoia, la tangenziale , la pista ciclabile… una periferia urbana, insomma, come tante. “Non è facile far capire a un poliziotto che non è mai stato al Pilastro cos’è la Fattoria Urbana!”, pensò tra sé un poco sconsolato il volontario.

Due ore dopo.
Beh, tutti hanno i propri bisogni corporali ed il nostro volontario non disse certamente di no a quel poliziotto che gli chiese dove poter andare. In quel lungo pomeriggio di calura, uno dopo l’altro, tanti poliziotti hanno usato quel bagno circondato da orti. Fuori, sul tavolo, accanto ai vasetti di zucchini da trapiantare, una bottiglia di acqua fresca ristoratrice.

Ora tanti poliziotti ricorderanno quello strano posto dove hanno visto orti tra i palazzi e sentito ragliare un asino dietro il grande e lussuoso albergo da loro attentamente presidiato.

Racconto di Ingrid Negroni

 

Annunci