Un tuffo nel passato tra musica e filmati all’Arena del Parco Pasolini

Martedì 18 luglio, l’Arena del Parco Pasolini nuovamente ristrutturata, vivrà un secondo battesimo di musica e proiezioni, ospitando due appuntamenti che fanno parte di Best – La cultura si fa spazio, il cartellone di attività promosso e coordinato dal Comune di Bologna.
Alle ore 19.30 l’Orchestra Senza Spine, concluderà qui il ciclo di concerti all’aperto “L’aria del parco” proponendo per la serata opere di Rossini e musicherà alcune immagini e filmati del quarto appuntamento di  LostScape –Visoni inusuali di Bologna dagli archivi di Home Movies. Una rassegna di proiezioni all’aperto in diversi luoghi di Bologna, organizzate da Home Movies – Archivio Nazionale del Film di Famiglia

Per avere qualche anticipazione e curiosità  sulle proiezioni del 18 luglio, abbiamo contattato Lucia Tralli, una delle organizzatrici di LostScapes.

“Abbiamo scelto come location il Parco Pasolini perché abbiamo diverse immagini  e filmati della fine degli anni 60 e 70, che riguardano proprio il Pilastro e le zone limitrofe. Il pezzo forte della serata sarà “Verdi illusioni” un vero e proprio film montato e girato in super 8 da Mauro Mingardi, che è  l’immagine simbolo della rassegna. La bambina sulla cartolina del programma, è infatti la protagonista del film “Verdi illusioni” (sullo sfondo si riconoscono chiaramente alcune abitazioni del Pilastro vecchio n.d.r.) Il film è stato girato nel 1977, quando il rione Pilastro stava assumendo la fisionomia attuale ed era in piena trasformazione. La bambina di Verdi illusioni si aggira nei grandi spazi del Parco Pasolini e nei dintorni per metà natura e per metà  grandi palazzi in costruzione, testimoniando gli importanti mutamenti e le trasformazioni che la zona stava vivendo in quel periodo. Nel filmato si vede chiaramente anche il Virgolone. Ci sarà anche un pezzo di backstage che mostra Mauro Mingardi al lavoro, mentre fa le riprese all’interno del parco e dall’alto di uno dei palazzi del Pilastro. Mauro Mingardi è stato un film maker bolognese che ha sempre nutrito grande passione per la sua città. Proprio in virtù di questo forte legame con Bologna, durante la sua vita ha girato numerosi film e riprese, in diverse zone e quartieri della città e i suoi  filmati hanno fornito un prezioso materiale per la rassegna”

Durante la serata saranno proiettate anche immagini e filmati d’epoca di origine privata e amatoriale. Home Movies è infatti l’ Archivio Nazionale del Film di Famiglia, la prima struttura italiana che raccoglie e conserva pellicole di famiglia trasformandole in forma digitale, promuovendone il loro valore documentaristico e storico.

“Proietteremo anche un filmato del 1969 girato da Eros Parmeggiani in occasione dell’apertura della tangenziale. Lui e la moglie fecero un vero e proprio viaggio con ripresa in camera car, per la tesi di laurea in architettura di lei, sull’urbanistica del territorio, documentando tutti i cambiamenti della città lungo la tangenziale. E’ la prima volta” conclude Lucia Tralli “che con i filmati dell’archivio ci avventuriamo fuori dal centro, ci piace l’idea di portare le immagini dove sono state realizzate, è come riportale un po’ a casa. Pensiamo che sia una bellissima occasione per mostrare come erano le zone di Bologna che conosciamo oggi, sia del centro che della periferia, anche a chi un tempo non c’era o ancora non vi abitava.”

L’appuntamento è dunque all’Arena del Parco Pasolini, martedì 18 luglio alle ore 19.30 con l’Orchestra Senza Spine e alle ore 21.30 con le proiezioni di LostScapes.
L’ingresso è gratuito.

http://www.senzaspine.com/
http://www.homemovies.it/

Gli appuntamenti di LostScapes andranno avanti fino al 31 luglio clicca qui per le altre date.

A cura di Chloy Vlamidis
Foto di Home Movies e archivio del blog

Annunci