Donne marocchine: a scuola con i bimbi

Sabato 11 novembre alle ore 14,30 presso le Scuole Romagnoli di via Panzini 3 riprende il corso di arabo pensato dall’Associazione Al Ghofrane  per i bambini di origine nordafricana che ormai sanno solo l’italiano e aperto a tutti.
Nell’occasione iniziando Sabato 11 novembre dalle ore 14,30 alle ore 16,30, le mamme che accompagnano gli scolari potranno imparare l’italiano nei locali della Casa di Comunità insieme a Mastro Pilastro in via Pirandello 24 ( rampa sulla destra del Centro Commerciale Pilastro, cancello alla terrazza).
Come spiega bene il volantino, anche al Pilastro si realizza il progetto “In biblioteca col marsupio” per sottolineare che la mamma potrà venire con il bebè e i figli più piccoli; troverà un ambiente accogliente e operatrici che, parlando la sua lingua madre,  le insegneranno a comprendere e comunicare con gli insegnanti, gli operatori sanitari e degli uffici di welfare. Cioè a svolgere il proprio compito di mamme senza aver bisogno di interpreti, assicurandosi il rispetto dovuto al ruolo.Al Ghofrane è socio di Mastro Pilastro e questa, rivolta alle mamme, è una delle prime iniziative che fanno insieme. Di Scuola delle donne per imparare a scrivere e parlare italiano se ne fanno molte nel nostro territorio, ma questa occasione è differente perchè vuole dare risposta a quelle giovani mamme che non riescono a comunicare se non con il marito o il figlio come interprete.
Anche l’omogeneità della provenienza è pensata per mettere totalmente a proprio agio il gruppo di donne, e per condividere problemi ed esperienze, mentre la possibilità per i bimbi di giocare o leggere libri illustrati aiuta anche chi ha  più bimbi piccoli.

Vi racconto questa storia perchè mi ha colpito il fatto che anche se la comunità marocchina è una delle più numerose qui al Pilastro, io che abito qui da decenni e cerco di informarmi di quello di bello che succede, non sapevo dell’esistenza di queste azioni positive per l’integrazione interculturale.
Le mamme che parteciperanno a questo progetto non potranno leggere questo post, anche se pubblico il volantino in arabo. Questo post è fatto per chi utilizza l’italiano e il web; mi auguro che  la comunità trovi idee nuove per favorire l’accoglienza e l’integrazione dei nuovi italiani.

 

Testo di Claudia Boattini
Foto dal web

 

Annunci