Sarà FICO anche per il Pilastro?

fico

 

Lunedì 12 dicembre nell’Aula Magna di Santa Lucia gremita di gente, con un parterre di ospiti d’onore, sono intervenuti i fondatori di F.I.COOscar Farinetti , patron di Eataly e Andrea Segrè presidente del Caab di Bologna, illustrando i traguardi raggiunti finora per la realizzazione del progetto FICO Eataly World, che dovrebbe essere inaugurato il 4 ottobre 2017.

All’incontro pubblico condotto da Patrizio Roversi, preceduto da contestazioni e proteste sono intervenuti:  il sindaco Virginio Merola, l’Assessore all’Agricoltura della Regione Emilia Romagna, Simona  Caselli, il Rettore dell’Alma Mater Francesco Ubertini e coloro che stanno realizzando il Parco: Oscar Farinetti, fondatore di Eataly, Andrea Segrè, presidente della Fondazione FICO e del Caab , Alessandro Bonfiglioli, direttore generale del Caab, Tiziana Primoriamministratore delegato di FICO Eataly World,  ed il direttore generale di Prelios Sgr,  Andrea Cornetti. Ospite internazionale, è stato Carlo Ratti direttore del MIT Senseable City Lab di Boston, architetto tra i curatori di Expo.

Ma cos’è FICO? Questo progetto targato Eataly di cui tanto si parla, che sorgerà alle porte del Pilastro?

F.I.CO acronimo di  Fabbrica Italiana Contadina, è un grandissimo parco tematico che si svilupperà negli 8 ettari messi a disposizione di Eataly dal Caab, e dovrebbe diventare ambasciatore della cultura del cibo Made in Italy di alta qualità nel mondo, puntando i riflettori e l’attenzione mondiale su Bologna, come uno dei luoghi più all’avanguardia nel settore agroalimentare, conservando sempre le radici col passato. Attraverso formule interattive fatte di laboratori, fabbriche, mercati e intrattenimento, l’intenzione è quella di unire l’apprendimento al divertimento, veicolando un turismo internazionale di massa.

Fico dovrebbe raccogliere il testimone di Expo collocando l’Italia e in particolare Bologna, al centro dell’attenzione mondiale per la sua biodiversità e offerta alimentare. “Per la prima volta” dice Farinetti “non andiamo a creare qualcosa all’estero ma creiamo un monumento incredibile in Italia, per convincere i signori di Boston a prendere l’aereo per venire qui a vedere Fico e poi girare Bologna e tutto le altre nostre bellezze. Questo è Fico”

Grande spazio verrà dedicato alle scuole, ai giovani e alla didattica per la conoscenza dei prodotti contadini e genuini italiani, attraverso percorsi ed esperienze individuali e di gruppo, in cui si potrà assistere a tutte le fasi di lavorazione dei cibi,  dalla produzione al consumo, dal campo alla forchetta, valorizzando e promuovendo le biodiversità della nostra terra. Grazie alle piatteforme tecnologiche di oggi, percorsi iniziati fisicamente in loco, come il piantare una piantina, potranno essere seguiti dai visitatori anche a distanza. Per citare Carlo Ratti, Fico dovrà essere “una porta sul futuro senza mai perdere il contatto col passato.”

Tra il pubblico anche Romano Prodi il quale è intervenuto complimentandosi per le bellissime idee del progetto ma sollevando la criticità dei trasporti che andrà sicuramente risolta: “se si vuole muovere tutto questo turismo” dice Prodi “ci devono essere trasporti in grado di assicurare spostamenti in tempi brevi, per creare un grande flusso che si autoalimenta.”

fico2

Per avere un’idea più concreta di ciò che sarà Fico e come diventeranno questi 80000 mq di terreno, ecco cosa leggiamo nella brochure illustrativa della presentazione:

La terra: 11000 mq di campi e allevamenti con le principali cultivar e gli animali del territorio italiano

Le Fabbriche: 40 fabbriche che quotidianamente realizzano i prodotti simbolo dell’eccellenza italiana

La cucina : La biodiversità della cucina italiana in 25 ristoranti con cucine tematiche e chef stellati osterie territoriali e chioschi di street food

Il mercato e le Botteghe: 10000mq con l’atmosfera del tipico mercato italiano dove degustare le eccellenze del made in taly ed acquistare i prodotti realizzati dalle fabbriche del parco

La didattica: 3 km di percorsi formativi e 10 aule didattiche. Un luogo di studio per scuole e adulti dove poter imparare sul campo grazie a una vasta offerta di lezioni, corsi, attività sull’agricoltura, la cucina, i mestieri italiani, la sostenibilità.

Gli eventi: 30 eventi al giorno e oltre 500 grandi eventi annuali in 4000 mq di spazi per iniziative culturali e didattiche legate al cibo, all’agroalimentare e alla sostenibilità

Dopo l’inaugurazione del Nam, Nuova Area Mercatale avvenuta nell’ aprile 2016, che ha sostituito il vecchio mercato ortofrutticolo, le prime fabbriche Italiane d’eccellenza, cominceranno a insediarsi a febbraio 2017.

Per ora non ci resta che aspettare e vedere se e come questo spazio trasformerà Bologna, ma soprattutto se Fico Eataly World,  riuscirà a integrarsi col territorio circostante, offrendo una chance per lo sviluppo economico e lavorativo di chi vi abita, o rimarrà una realtà economica e imprenditoriale a sè stante, lontana dalle dinamiche sociali e culturali del Pilastro.

                                                                                                              Testo e foto di Chloy Vlamidis

Immagine tratta dal sito di Eataly

Annunci